Questo sito web utilizza i cookie. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la normativa vigente

 

FAQ - Tecniche

Print

Ruggine, rimozione per elettrolisi

Perché farla: se il serbatoio ha forma complessa o è davvero pieno di schifo viene difficile usare i metodi di shakeraggio tradizionali (a me la catenella che uso di solito si è impigliata da qualche parte e rimarrà sempre dentro.

Cosa usare

  • Contenitore plastico
  • Acqua
  • Bicarbonato di Sodio (si possono usare altri sali, come il Carbonato di sodio, il sale da cucina o la soda caustica. Quest’ultima la sconsiglio per la pericolosità nel maneggiarla, il sale da cucina per lo sviluppo di gas a base di cloro altamente nocivi)
  • Batteria da 12V
  • Caricabatteria (si potrebbe usare direttamente il caricabatteria senza passare per la batteria, ma servirebbe uno di quelli manuali e non di quelli che si staccano automaticamente)
  • Barra filettata di ferro da 8 o altro (usando la barra da 8 si riesce a piegarla bene. Non usare alluminio e non usare acciaio INOX o cromato, in questi ultimo casi si sviluppano sostanze cancerogene). È meglio riuscire a sagomare l’anodo in modo da inserirne una buona porzione nel serbatoio, questo va a vantaggio della reazione.

Come fare
Dopo avere sgrassato l'interno e tolto la ruggine "volante" mettere la soluzione di acqua e bicarbonato di sodio a riempimento totale, proteggere il serbatoio con olio motore e possibilmente plastica, inserire la barra filettata in modo che non sia a contatto con il metallo del serbatoio (IMPORTANTE: con un tester verificare la continuità fra barra e serbatoio, se c'è va spostata o modificata nella forma, la barra non deve toccare il metallo del serbatoio).

Mettere il serbatoio sulla vasca o supporto plastico per evitare messe a terra non volute
Attaccare la barra filettata al + ed il serbatoio al - dei coccodrili provenienti dalla batteria e attaccare la batteria al caricabatteria.

Si sentiranno bolle... NON FUMARE in quanto si libera idrogeno ed ossigeno. Preferibile fare questa cosa in ambiente aereato o all'aperto.


Ogni 2 ore circa staccare e verificare la barra (anodo) perché se si incrosta troppo cala la resa dell'elettrolisi. Sciacquare in acqua picchiarla in terra per togliere le incrostazioni più grosse e reinserirla al suo posto. Logico che se durante la notte si salta qualche pulizia dell’anodo non succede niente, al massimo si rallenta un po’ la reazione.
In 24 ore il serbatoio del VF1000 bello schifoso è tornato bellissimo.
Infine con acido fosfatante fare la preparazione per il trattamento finale con tankerite o simili. Lasciarlo così credo che arrugginirebbe di nuovo dopo poco.


Note

  • Non sono bravo in chimica, ma aumentando la concentrazione di bicarbonato non credo si ottengano risultati migliori, anzi potrebbe aumentare la velocità dell'elettrolisi (più ioni in acqua) e lasciare patine di sali di componenti estratti dal metallo del serbatoio...
  • Anche se la solizione diventa uno schifo non è necessario rinnovarla, l'importante è che l'anodo (la barra filettata) sia pulito o quasi (occhio che si consuma, la mia barra da 8 è diventata da 4).
 
 
Courtesy of Mako