Questo sito web utilizza i cookie. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la normativa vigente

 

FAQ - Tecniche

Print

Alimentare lampade faro anteriore tramite relè

Il problema è ancora una volta lo stesso: l’impianto elettrico dei nostri mezzi. Beninteso, non per la sua concezione, che per alcuni versi è migliore di quello adottato da altre marche, ma per la sua inadeguatezza se rapportata alle esigenze di oggigiorno. Questi impianti, infatti, più di tanto non potrebbero consentire.

Uso il condizionale perché, come abbiamo già visto per il potenziamento della scintilla, l’ingegno e la tecnologia ci forniscono sempre un margine per poter operare. Quindi, come adesso dovremmo aver ottenuto migliori prestazioni, minori consumi e minore inquinamento con la modifica sopra accennata, così potremmo anche operare per ottenere qualcosa in più in termini di sicurezza.

Il problema è sempre lo stesso: l’esiguità della sezione dei cavi di cablaggio, anche in rapporto alla loro lunghezza.

Le lampade originariamente montate nel faro delle nostre Four hanno una potenza per le due luci, anabbaglianti e abbaglianti, decisamente esigua in considerazione del tipo di condizioni di traffico in cui dobbiamo circolare attualmente. Per ottenere un sensibile miglioramento e poter montare delle lampade H4 più potenti, ad esempio da 60/65 W, bisogna anche in questo caso effettuare una modifica all’impianto.

C’è sempre bisogno di relè per poter prelevare l’alimentazione direttamente dalla batteria e sempre di tipo automobilistico. In questo caso se ne usano 2, uno per ogni filamento. Per vostra comodità, in figura 1 ripropongo la foto e lo schema di questo tipo di relè. 

Gli ingredienti per questa ricetta sono pressoché gli stessi della modifica per l’alimentazione delle bobine.

Attenzione, i fili più grossi che vedete nel disegno dei collegamenti in figura 2 devono essere da almeno 4 (!) mm. di diametro, quelli più sottili da 1 mm, gli altri restano quelli che già c’erano e che originariamente andavano alle lampade e che ora vanno ai piedini 85 dei relè. Il portafusibile deve essere posizionato sempre il più vicino possibile alla batteria e i relè possono tranquillamente essere posizionati all’interno della calotta faro.

Attenzione, dopo aver fatto la modifica, ricordarsi di accendere il motore SEMPRE a fari spenti, dato il loro assorbimento.

Coloro i quali non volessero correre questo rischio possono usare quest’altra circuitazione. E’ necessario aggiungere un terzo relè che ha il compito di disabilitare gli altri due nel momento dell’accensione della moto. Durante l'avviamento, mentre il motorino gira, il relè che abbiamo aggiunto spegne le luci automaticamente. Inoltre, ho pensato che sarebbe stato opportuno disinserire gli anabbaglianti durante l’uso del lampeggio. Infatti, durante questa operazione vanno in funzione entrambi i filamenti e l’assorbimento complessivo diventa la somma dei due. Mi direte che il lampeggio dura un attimo, e sono d’accordo, ma, vedete, a volte a me capita, senza necessariamente inserire gli abbaglianti, di tenere premuto il lampeggio più del dovuto per illuminare una scena o un’ostacolo. In figura 3 trovate lo schema dei collegamenti.

Ho voluto risparmiarmi la descrizione dettagliata della procedura per realizzare quanto sopra. Credo che torneranno utili, con i dovuti cambiamenti, gli stessi consigli espressi per la modifica relativa all’alimentazione delle bobine.

 

Courtesy of Carlofour