Questo sito web utilizza i cookie. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la normativa vigente

 

FAQ - Tecniche

Print

Rimontaggio cerchio su mozzo: raggiatura e centratura

 

Rimontaggio cerchio su mozzo, centratura e tiraggio raggi.

Premesso che non sono un fenomeno, ma mi piace fare le cose da solo, ho provato a rimontare un cerchio sul mozzo della mia 750K1.
Sicuramente ci sarà qualcuno molto più esperto ma vorrei dare il mio contributo a chi ci vuol provare.

Vi descrivo meglio che posso i passaggi che ho fatto.

Innanzi tutto, ho fatto le foto del cerchio con la disposizione dei raggi e in particolar modo nel punto della valvola.

È da li che son partito per il rimontaggio.

Altra cosa che ho fatto prima di smontare è stata quella di vedere se il cerchio è disassato rispetto al mozzo.
Sulla mia, è centrato come credo tutte le Nostre Four, ho trovato un disassamento  in origine di circa 2 mm ma credo non voluto e ininfluente.
Il disassamento l’ho misurato appoggiando una riga sul cerchio e misurando la distanza dal mozzo su entrambi i lati.

Come si vede,questa è la foto durante il rimontaggio ma è la stessa cosa che ho fatto prima di smontare.
Si misura dalla lama all’interno del mozzo e si vede il disassamento.
A questo punto non resta che preparare il materiale e iniziare il montaggio.

Da dove inizio? Dai raggi interni,visto che poi gli esterni son facilissimi da mettere.
E qua il primo intoppo. Avevo montato sia i destri che i sinistri e mi son trovato in difficoltà con troppa carne al fuoco

Allora ho tolto i raggi da un lato e son rimasto con solo 10 raggi, molto più semplice da gestire.
Infilati uno ad uno i raggi e fermati con il niplex appena avvitato.
La prima serie è fatta: sono al loro posto!

Ho girato il cerchio e ho iniziato ad infilare i raggi interni dalla parte opposta. Qua c’è stato l’intoppo perché quelli precedentemente infilati impedivano il montaggio degli altri. Poca cosa, visto che il cerchio è tutto lente,è bastato sfilare i niplex uno per volta e passare il raggio nuovo senza forzare niente.Ho fatto in questo modo per non incorrere in errori.

Appena montata la prima serie,è impossibile sbagliare gli incroci.
Vengono tutti di conseguenza visto che i raggi interni hanno la stessa lunghezza e la stessa forma.
A questo proposito, è bene dividere subito prima del montaggio i raggi esterni da quelli interni anche se la differenza è palese. Finito di inserire i raggi interni la ruota si presenta così

È già quasi fatta, ora si va in discesa per il montaggio dei raggi esterniBasta infilarli uno ad uno e fermarli con il niplex appena avvitato come gli altri.

La ruota si presenta così

A questo  punto sorge il dilemma. Che faccio? La porto a centrare o ci provo da solo?

Se avete intenzione di portarla a centrare, fermatevi qua, avete già fatto un buon lavoro e risparmiate qualche soldo che di questi tempi male non fa.
Magari perdete qualche ora a trovare un raggiatore e vi fate qualche decina di chilometri in auto.
Se invece siete proprio decisi a fare tutto da soli, siete cocciuti e incoscienti,proseguite a leggere.

Siete sicuri che volete continuare? Ma sicuri sicuri? Vabbé, se siete arrivati qua, continuiamo.

Adesso viene il bello (o brutto).

Ci vuole un minimo di attrezzatura. Non grandi cose e nemmeno particolari. L’unica cosa che serve veramente è un cavalletto dove appoggiare la ruota per fare il centraggio. Io ho fatto un attrezzo del genere, non troppo sofisticato e messo insieme con due punti di saldatura fatta a cane.
Ma tanto a me servirà per due sole ruote,mica lo faccio per lavoro.

Poi avevo preparato anche altre varie cose che vedete in foto. Filo di acciaio armonico, comparatori, morsettini casalinghi e ammennicoli vari.
Devo dire che i comparatori non li ho usati, erano centesimali e su un cerchio vissuto pressoché inutili.
Usato invece il filo di acciaio armonico come riscontro e morsettini per fissarlo alla base.

Come vedete ho anche preso una barra filettata di M20 con dadi per tenere fermo il mozzo in asse.
I cuscinetti sulla forcella,possiamo anche evitarli, tanto la ruota gira sui suoi. Serve sicuramente la battuta perché non si sposti il mozzo.
Ora che abbiamo la ruota sulla forcella,iniziamo a centrare.
Per vedere i punti dove agire,ho segnato sul cerchio su carta da carrozziere con dei numeri. Faranno comodo!

Adesso mettiamo i riscontri (filo di acciaio armonico e morsettini

Ne mettiamo due, uno laterale e uno sulla verticale del cerchio. Se poi ne vogliamo mettere altri, non guasta. Ne ho messo uno anche sull’interno del cerchio dalla parte opposta della foto.

Iniziamo il centraggio. E qua, le foto servono a una ricca pippa.

Io ho proceduto così Facendo girare il cerchio ho iniziato a stringere i niplex uno per volta riferendomi alla filettatura del raggio. Poco alla volta, circa un giro e a mano, tenendo sempre sotto controllo ovalizzazzione sbandamento.
Più che altro ovalizzazione perché secondo me è più difficile a cerchio stretto correggerla.
Poi, un occhio al disassamento,anche se in fase di sbandamento si corregge anche quello.
Piano piano,mi son trovato il cerchio abbastanza stabile e centrato.
Rimane da correggere poco se il cerchio è buono.

A questo punto, una stretta ai raggi (leggera)con il cacciavite dalla parte interna per assestare il tutto.
Un quarto di giro alla volta per raggio su tutti i raggi finché arriviamo alla stabilità.
Ricontrolliamo sbandamento e ovalizzazione (l’ovalizzazione dovrebbe essere tollerabile).
Lo sbandamento potrebbe essere eccessivo e lo correggiamo allentando o tirando 2/3 raggi per lato mezzo giro per volta. Meglio ripetere più volte che esagerare.
Se siamo soddisfatti del lavoro, ripassiamo nuovamente i niplex con il comune cacciavite e ci accertiamo che siano tirati abbastanza uniformi.

Ricontrolliamo.

lo sbandamento e se è tutto nella norma iniziamo a stringere. Sempre un quarto di giro per volta.Il problema è la tensione del raggio, sarà stretto o lente?
Io non sono un accordatore di chitarre e ho dovuto far ricorso ad un cacciavite dinamometrico.

I dati di torsione li ho trovati sul manuale.
Anche qua, son partito da una torsione bassa fino ad arrivare a quella da tabella.

Dimenticavo, ho stretto i niplex dall’interno del canale per non rovinarli e perché non ho una dinamometrica per farlo da fuori.

Spero di esser stato chiaro e di aiuto a chi si vuol cimentare (vccaboia, è stato più facile farlo che racontarlo…).

 

Courtesy of Guido56