Questo sito web utilizza i cookie. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la normativa vigente

 

FAQ - Tecniche

Print

Revisione carburatori (CB500)

Materiale Necessario.
- 4 kit revisione carburatori Keystar KEH 1050 (circa 80 euro) o ricambi originali Honda (molti euro in più)
- Cacciaviti e chiavi inglesi
- Detergente concentrato Fulcron
- Part list e manuale di officina
- Calibro

Procedura.

Una volta tolti i carburatori con i collettori dalla moto

Per rimuovere i collettori si allentano le viti che stringono le fascette, si spruzza un po’ di Svitol, si scaldano con il fon, con una cagna ed uno straccio si fanno ruotare le gomme. Per togliere un collettore per volta si può infilare un manico di legno nel collettore si fa leva sul rack e si forza fuori dai collettori di uscita dei carburatori.

Per liberare i carburatori e liberare il rack si inizia svitando le 8 viti a croce che si intravedono nella foto sopra alla base delle gomme.

Poi facendo riferimento alla vista da dietro dei carburatori (foto sotto) si scollega la molla di richiamo del gas (vedi punta del cacciavite), si svitano completamente i dadi da 8 (freccia rossa) stando attenti a non rovinare la linguetta metallica (freccia azzurra) che deve essere rimossa.

Poi si allentano i dadi indicati dalla freccia gialla facendo attenzione che se svitati completamente escono la molla ed il pistoncino.

Poi si liberano i comandi del gas dei singoli carburi come da foto sotto

A questo punto si toglie il rack sfilando i carburatori ed i 2 tubi benzina.

I carburatori possono essere separati facendo attenzione a non perdere il fermo molla che si trova incastrato fra i due carburatori centrali.

Ora si può procedere allo smontaggio di un carburatore alla volta.

Tolta la vaschetta questo è lo spettacolo:

Si toglie la linguetta che tiene in posizione il getto del massimo, il getto del massimo, si svita con un cacciavite a taglio il getto del minimo, si sfila il perno del galleggiante e si toglie il galleggiante, si svita la vite a croce che tiene la linguetta a forcella che blocca la sede della valvola a spillo e si tolgono queste ultime.

Dall’alto si apre il coperchio e forzando la linguetta si svita la vite esagonale da 7 in foto sotto:

Svitandolo si libera il perno del comando dell’alzata della ghigliottina che si compone come da foto sotto:

Da sinistra l’unico elemento (distanziale di plastica) che si trova all’interno del carburatore, poi il feltrino parapolvere, la plastica con profilo ad L, la rondella, la molla e il lamierino, questi tutti esterni al carburatore.

Ora si toglie la farfalla di comando dell’aria, facendo molta attenzione nello svitare le due viti che tengono la farfalla in solidale al perno: queste sono punzonate e tendono a spannarsi facilmente.

Una volta tolta la farfalla si svita il dado e si sfila il perno lasciando in sede i due feltrini:

Per finire di liberare il corpo carburatore occorre togliere il raccordo a T di ingresso benzina, la vite aria con la molla che si trova di lato e il polverizzatore.

Questo è infilato nel condotto dove va fissato il getto del max. Per sfilarlo basta dare un colpo con la punta di un cacciavite a croce dall’alto del carburatore e sfilarlo da sotto.

Una volta che il corpo del carburatore è libero si inserisce nella vasca con il Fulcron e si pulisce con pennello e spazzolino con la vaschetta. Si pulisce il condotto principale della benzina (dove è posizionato il polverizzatore) con la capocchia di un chiodo per la sporcizia più grossolana e stuzzicadenti per la patina residua.

Ogni tanto si sciacqua in una bacinella con acqua calda e ad ogni risciacquo si spara col compressore aria nei condotti.

Si prende il comando ghigliottina e si svitano le viti di cui una è visibile in foto sotto:

E si smonta controllando prima la posizione del braccio rispetto alla gola sulla ghigliottina:

Si prende lo spillo del kit e si posiziona il seeger alla terza tacca come in foto sotto:

Ora si può procedere al rimontaggio seguendo i passi fatti nello smontaggio al contrario.

Partendo dal lato vaschetta avvitare il getto del minimo, inserire il polverizzatore, il getto del max, la sede della valvola a spillo e la valvola e fissare la linguetta di tenuta con la vite a croce:

Una volta rimontato il galleggiante si controlla la distanza dalla base del carburatore alla parte inferiore del galleggiante nel momento in cui tocca la valvola a spillo; per farlo si mette il carburatore di lato e si utilizza un calibro come in foto sotto:

Per regolare l’altezza si agisce sulla linguetta che preme la valvola a spillo :

Prima di richiudere la vaschetta si cambia la guarnizione (eventualmente ci si aiuta con una pasta guarnizione per tenere in sede quella  nuova) e ci si deve trovare con il carburatore completo come da foto sotto:

Inserire la vite dell’aria con relativa molla ed avvitarla tutta, poi svitare per 1 giro ed 1/8. La posizione nei carburatori è indicata in figura:

Inserire la ghigliottina con il nuovo spillo e fissare al braccetto di comando dopo aver inserito il feltrino in sede. Ricordarsi che il braccetto esterno al carburatore è rivolto nel senso di marcia.

Nel rimontare le farfalle aria ed il perno di comando ricordarsi che il dado va sempre nella parte destra (vista posteriore del carburatore).

Procedere in modo analogo per gli altri 3 carburatori facendo sempre riferimento alla part list e controllando le posizioni dei braccetti di comando ghigliottina.

Pulire il rack e la molla di richiamo gas con il Fulcron sciacquandoli. Asciugare con aria e spruzzare lo Svitol nei punti cardine.

Riassemblare i carburatori inserendo i tubi di raccordo e il fermo molla e controllando il comando delle farfalle aria, allineandole sul tutto chiuso.

Infilare i tubi benzina nuovi di lunghezza abbondante (si taglieranno successivamente) nei raccordi a T dei carburatori (ai quali sono stati cambiati gli o-ring). Infilare i tubi nelle prese d’aria dei carburatori centrali (visibili nella seconda foto a fianco della molla).

Calzare il rack, riinserire le sfere dei braccetti di alzata gas nelle gomme e nei comandi dei singoli carburatori. Serrare i dadi (freccia gialla nella seconda foto) e rimontare la molla. Riavvitare le 8 viti a croce che fissano il rack ai carburatori.

Reinserire le rondelle, le linguette metalliche, le grover ed i dadi dell’8.

Anche se l’allineamento andrà fatto col vacuometro si può fare un allineamento di massima. Con la vite zigrinata sul rack regolare il minimo in modo che la vite vada a battuta sul comando gas, Poi agire sulle viti di regolazione dell’allineamento in modo che la luce (distanza fra parte inferiore del condotto carburatore e bordo della ghigliottina) sia uguale per tutti e pari a circa 1mm, eventualmente usare una punta di trapano da 1mm per avere un riferimento.

Pulire l’interno dei collettori con fulcron e spazzolino, eventualmente utilizzare il Dremel per pulire i residui di benzina dai condotti. I collettori possono essere reinseriti facendo attenzione all’orientamento delle viti di serraggio delle fascette: devono essere rivolte verso l’esterno;  è consigliabile sostituire le guarnizioni indicate dalla freccia per evitare tiraggi di aria con conseguente “scarburazione”.

Nota: è consigliabile smontare, pulire, sostituire le parti e riassemblare un carburatore per volta per evitare di accumulare parti che possono confondere nel rimontaggio.

Courtesy of mako