Questo sito web utilizza i cookie. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la normativa vigente

 

FAQ - Tecniche

Print

Restauro conservativo di una Honda CB Four

Il lavoro è stato indirizzato a una Honda CB 500 , scelta in quanto modello intermedio. Le considerazioni e i metodi si applicano anche agli altri modelli. Il restauro è inteso "CONSERVATIVO" in quanto non ha riguardato interventi di sostituzione radicali, tantomento riverniciature complete di parti di carrozzeria. Il motore, anch'esso, non è stato oggetto di interventi meccanici. 

Si tratta quindi di un restauro principalmente estetico, ma con una cura attenta agli interventi di manutenzione utili alla messa a punto generale del mezzo, alla fine dei lavori. In grassaggi, controlli elettrici, sostituzione oli, controlli fasi e gioco valvole, catena distribuzione, pulizia carburatori sono praticamente "venuti di conseguenza", avendo i pezzi smontati a disposizione per ispezioni e pulizie. Scarsissime sono state le sostituzioni, anche in questo caso.

La base di partenza, la 500 Four, è comunque buona. Il consiglio, in ogni caso, è quello di procurarsi una bella carrozzeria originale e le 4 marmitte, anch'esse originali. Questi due componenti fondamentali, insieme a un motore funzionante, permettono di ottenere un risultato eccellente. Gli interventi proposti riguardano quindi, per così dire, "il resto"!

Preliminare a tutto, il lavaggio della moto e grassaggio generico (meglio se in temperatura con idropulitrice.

Ecco dunque le fasi del lavoro.

Innanzitutto è stato svuotato l'olio motore e smontato il motore dal telaio. Un lavoro di circa mezzo pomeriggio (in due) che permetterà innumerevoli altri interventi in modo più agevole. 

Il motore smontato è stato sottoposto a diversi interventi.

- Lucidatura (a mano) dei coperchi valvole e coperchietti laterali;
- lucidatura dei carter dx e sx (a mano o con attrezzo specifico per mola o portati a lucidare);
- registrazione gioco valvole e catena di distribuzione;
- pulizia e grassaggio (soprattutto nella zona sottostante e nel vano del pignone;
- pulizia fascette carburatori;- riverniciatura a bomboletta;
- controllo cablaggi e pulizia cavi e guaine

Conviene capovolgere il motore e eliminare le incrostazioni e i sedimenti di morchia, ben visibili in foto. Pulizia interna a pennello delle parti meccaniche raggiungibili. Questa è anche un'occasione per ripassare il funzionamento di alcuni organi interni meccanici.

Fase di pulizia interna della coppa. Questa operazione può richiedere tempo, causa morchia formatasi all'interno (depositi di "fango" metallico e morchia) e all'esterno (sporcizia sedimentata).

La scatola filtro è stata anch'essa pulita a fondo, anche con diluente nitro e successivamente verniciata a bomboletta.

Pulizia dei carburatori. Esternamente è possibile usare diluente nitro per togliere eventuali tracce di benzina (soprattutto rossicce e brunite da tempo). Aiutarsi con spazzolino e pennello. Internamente pulire a seconda della sporcizia che si trova. Controllare getti e guarnizioni. Sulla pulizia interna dei carburatori si parla altrove. Pulizia dei tubi con "solito" prodotto "apposito"...

Fasi di verniciatura del telaio. Prima sono state scartavetrate le parti da ritoccare con un paio di passate (almeno 400 e poi 800), poi con una vernice lucida sono state date un paio di passate. Il lavoro viene successivamente concluso raccordando il "troppo nuovo" e "troppo lucido" con la verniciatura originale, mediante straccio e pasta abrasiva a grana fine. In questo modo si è potuto ritoccare solo dove usurato, arrugginito e necessario e lasciare la vernice originale dove era in buone condizioni (solitamente, come in foto, nelle zone protette dalla carrozzeria). Particolare attenzione al vano porta batteria, se eventualmente arrugginito per perdite di liquido.

Pulizia accurata e controllo dell'impianto elettrico. Notare i cavi con i colori originali brillanti e puliti. Ciò è reso possibile dalla pulizia mediante prodotti "adatti"... Controllare gli innesti e spruzzare prodotti per contatti. Eventuali controlli a tester o prove varie con la batteria provvisoriamente collegata. Notare in foto le fasi "in corso" di ritocco del telaio.

Approfittare inoltre dell'assenza del motore per ripulire tutti i percorsi dei cavi e risistemarli bene. Pulire e lubrificare i cavi frizione e acceleratore. Controllare tutte le parti rese agibili dall'assenza del motore. 

Pulizia dell'avantreno.
Controllo della funzionalità del cannotto di sterzo.
Lubrificazione e ingrassaggio delle parti mobili (ad esempio del forcellone posteriore) e di tutti i perni.
Pulizia gomme e plastiche con altri prodotti adatti.

Se possibile, smontare e lucidare i foderi forcelle (a mano o portarli a fare o usando mola o trapano e adeguato piattorello).

Pulizia della sella e delle plastiche posteriori (paracatena e gonnellino se presente)

Rimontare il motore una volta asciugatesi le vernici.

Utilizzo di "Zincatura a freddo" per le parti originariamente zincate. In foto una fase di passaggio per confronto: notare le barre posteriori trattate e molla e mezzaluna del cavalletto centrale ancora da trattare. Verniciature ancora parziali.

Altri interventi:
- lucidatura carter alternatore;
- verniciatura cavalletto laterale;
- zincatura a freddo molla;
- pulizia vano pignone;
- pulizia cavi elettrici e contatti e cavo frizione.

Conviene prestare molta cura a tutti i particolari, anche quelli apparentemente secondari (molle, tubicini). Alla fine il risultato sarà soddisfacente se tutti i particolari saranno stati trattati in maniera omogenea. Nulla di peggio che vedere una carrozzeria fiammante, appena riverniciata, su una moto complessivamente malmessa. Ancora peggio un particolare nuovo su una moto decisamente vissuta. Meglio quindi decidere prima il livello estetico che si intende raggiungere, per non trovarsi alla fine con particolari "fiammanti" e ruggine di fianco!

Altri interventi generali:
- pulizia gomme (pneumatici) con prodotto specifico;
- lucidatura di tutte le parti cromate con pasta apposita;
- pulizia parti in gomma (pedaline, soffietti etc.) con prodotto per le gomme )quello per i pneumatici);
- pulizia parti in plastica con lucidacruscotti (uno "furbo e non solo "unto"!);
- sostituzione olio freni e spurgo (pastiglie se necessario);
- sostituzione filtro e olio (filtro aria se necessario);
- candele se necessario;
- vernice nera per marmitte al fondo dei tromboncini di scarico (opportunamente schermando le cromature).

Courtesy of Trike