Questo sito web utilizza i cookie. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la normativa vigente

 

FAQ - Tecniche

Print

Carburatori

Pulire i carburatori dalle incrostazioni è un lavoro delicato.

Esistono prodotti specifici, non facili da reperire.

In mancanza io adotto 2 tecniche:

1 - Se c'è un'incrostazione modello tartaro di 5 anni, uso uno spazzolino di ottone attaccato al trapano. Raschia meglio del dentista.

2 - Se invece c'è solo un leggero deposito dei coloranti della benza, allora vi garantisco che un buon solvente funge benissimo.

In ogni caso, ricordatevi di pulire bene i getti, magari aiutandovi con un filo di acciaio (va benissimo uno dei fili della treccia del cavo frizione.

Se poi i getti sono cementati, allora si possono usare (a mano) punte per trapano da pochi decimi. Nelle ferramente specializzate si trovano.

Se i carburatori perdono benza, è un problema dovuto al malfunzionamento dei galleggianti. È quindi utile smontarli dal corpo del carburatore, sfilando il pernetto che funge da cerniera. Se è incrostato, lo si può battere con un chiodo. Attenzione: talvolta le incrostazioni sono così tenaci, che si rischia di rompere il supporto che sorregge il perno, dovendo quindi buttare l'intero carburo. Nel caso, usare solventi, diluenti e lubrificanti, oltre a una buona dose di calma.

Conviene quindi controllare che i suddetti galleggianti non siano danneggiati o bucati a causa, principalmente, di precedenti lavori eseguiti senza cura. Forzando leggermente la lamierina che funge da "femmina" della cerniera, è possibile regolarne alla meglio il punto di chiusura della valvolina che interromper l'afflusso di benza nella vaschetta. Questa è la causa principale per cui i carburatori perdono benza dai tubetti di sfiato: il galleggiante è inchiodato o non chiude al momento giusto, la valvolina non si chiude al momento giusto, e la benza tracima dal forellino di "troppo pieno" delle vaschette.

Occhio anche al pezzetto a punta conica che funge da spillo di chiusura per il flusso di benza. Se è rovinato, ovvero presenta scanalature, tali da interromperne la conicità (tipo un solco o un dentino), può essere recuperato con carta a vetro fine, entro certi limiti. Altrimenti conviene cambiarlo (costa un occhio!).

Occhio infine allo stato delle guarnizioni in generale (OR e guarnizione vaschette). Se vi avanzano due euro fate la spesa e acchiappatevi i kit completi di guarnizioni. La moto ve ne sarà riconoscente.

Courtesy of Trike