Questo sito web utilizza i cookie. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la normativa vigente

 

FAQ - Pillole di restauro

Print

Ripristino (retrobright) targa d'epoca

Ultimando il restauro sulla 750 four K2 di mio padre, non ero soddisfatto di come si presentava la targa del veicolo. In quegli anni le targhe venivano stampate credo a caldo su delle lastrine plastiche sulle quali poi veniva applicato sui numeri una vernice che poteva essere blu, come nel mio caso, o nera. In questi 30 anni in cui la moto è stata ferma in un'officina la targa in questione ha subito un forte ingiallimento, ora magari molti di voi penseranno che sia bello, che sia un tratto caratteristico della storia della moto, personalmente trovavo questo giallo molto brutto e che avrebbe stonato alla fine di un restauro completo come il mio. Mi sono quindi guardato un po' intorno e mi è venuta in mente una procedura che è chiamata di RETROBRIGHT sulle plastiche ingiallite che già tempo addietro avevo usato su una vecchia tastiera del PC. Ho pensato allora che tale procedura potesse anche funzionare sulla targa e ho deciso di sperimentarla. La procedura è semplice basta sfruttare una reazione chimica che avviene tra plastica, acqua ossigenata e raggi uv, per questo basta che vi procurate:

1- Acqua ossigenata ( la trovate in farmacia a 10 vol) 

2- Acqua di rubinetto

3- Un contenitore di vetro dove riporre la targa  e la soluzione

4- pellicola protettiva ( quella per conservare il cibo va benissimo)

5- Una bella giornata di sole estiva

La procedura è semplice, versate l'acqua in rapporto 1:0,5, vi consiglio di usare mezzo litro di acqua e 250gr di acqua ossigenata. Non serve immergere la targa in uno spessore di soluzione enorme ma il tanto che basta per far si che si trovi immersa completamente. A questo punto avvolgete il recipiente con della pellicola protettiva che ha lo scopo di far evaporare il meno possibile l'acqua e mettete il recipiente esposto in pieno sole per almeno una giornata intera. Trascorso il tempo necessario togliete la targa dalla soluzione, procedete a dargli una bella lavata sotto l'acqua corrente e se avrete fatto tutto nel migliore dei modi avrete i risultati che potete vedere nelle foto allegate. La procedura è sicura e non ha provocato nessun sbiadimento o perdita di colore dai numeri. Spero che questa mia esperienza possa essere di aiuto a qualcuno a cui una targa ingiallita non piace.

 

Courtesy of Manuel