Questo sito web utilizza i cookie. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la normativa vigente

 

FAQ - Generali

Print

Manutenzione Ordinaria

Le operazioni fondamentali per la manutenzione ordinaria delle Honda sono riportate abbastanza bene nei manuali di uso e manutenzione (appunto) forniti con i mezzi o scaricabili dal sito H4F, grazie alla pazienza di chi ha passato allo scanner i vari manuali.
Certamente i manuali si riferivano ad un mezzo nuovo, o in ogni caso recente. Qualche accortezza aggiuntiva va posta nella manutenzione dei modelli ormai anziani. 

Premettendo che le Honda vanno BENE, un minimo di attenzioni sono sicuramente utili a prolungare ulteriormente la già lunga carriera dei nostri mezzi. Ecco un elenco breve di interventi “specifici” per le Honda d’epoca. Interventi da considerarsi IN AGGIUNTA a quelli previsti dalle tabelle di manutenzione della Casa.

- Freni anteriori a disco. Sovente la moto sembra “pesante” da spostarsi da ferma. È quasi sicuramente indice di un grippaggio del pistoncino della pinza freno anteriore. Conviene saltuariamente (diciamo un paio di volte all’anno) smontare la pinza dal supporto, “pompare” con la leva del freno, fino a far fuoriuscire di circa 1 cm la pastiglia. Togliere la pastiglia e lubrificare il pistoncino, dopo averlo eventualmente pulito da incrostazioni. Non usare benzina o solventi: danneggerebbero l’OR di tenuta in gomma. Con un po’ di attenzione, si può evitare il noioso spurgo (che comunque è consigliabile annualmente). Una scartavetrata alle pastiglie non guasta. Rimontando pastiglie e pinza, si forzerà il pistoncino a tornare nella posizione precedente. Un trucco: rimontando la pinza, inserire un pezzo di legno o cartone duro di qualche millimetro di spessore, tra la pastiglia e il disco. Serrare le viti di fissaggio (il pistoncino torna indietro). Mollare nuovamente i dadi, controllare il gioco della pinza, mediante la molla, vite e dado fissati tra stelo e pinza, togliere il legno/cartone e riserrare nuovamente le viti. Due o tre pompate alla leva riposizioneranno “morbidamente” la pastiglia contro il disco. La ruota dovrebbe girare libera e la moto sembrare “alleggerita”! Se il bloccaggio persiste, consultare il medico, non usare al di sotto dei 3 anni…

- Cavi. Se frizione e acceleratore sono duri, la colpa sovente è dovuta alla morchia che si forma, dovuta all’ossidazione di cavi e parti interne delle guaine. Lubrificare, smontandoli, una volta l’anno. Seguire la FAQ relativa.

- Controllare sovente lo stato di ruggine nel serbatoio. La maledizione può colpire quando meno ce lo si aspetta!

- Occhio anche al rubinetto della benzina,se il serbatoio è sporco è buona cosa controllare che non ci siano depositi anche nel filtrino del rubinetto.

- Controllare anche ruggini nascoste, soprattutto sotto i parafanghi. Ricordiamoci che il sale gettato d’inverno è micidiale per i metalli. Usare protettivi e convertiruggine, soprattutto dove non “si vede”.

- Controllare il posizionamento dei tubetti di sfiato vari. Che siano liberi, ma fissati. Attenzione sempre a dove cade quello della batteria: può provocare danni irreparabili alle preziosissime marmitte. Nei pressi degli attacchi dei cavalletti dovrebbero trovarsi dei punti di fissaggio per questi tubi.

- Lubrificare i punti consigliati con maggiore frequenza (soprattutto il perno del forcellone: si rischia di “sboccolare”!!!). Tenere puliti e lubrificati i meccanismi di movimento sui carburi.

- Controllare che i cavi elettrici non siano troppo pizzicati in prossimità dello sterzo. Controllare inoltre che non si siano verificate perdite di isolamento, dovute a guaine rinsecchite. Darci un’occhiata annuale, o con più frequenza se vi sono sintomi elettrici.

- La sella tende a screpolarsi per poi tagliarsi. C’è poco da fare: magari qualche unguento magico la può preservare un po’.

- Controllare con attenzione la catena di distribuzione. È un organo delicato (soprattutto su 400 F e 350 F. Conviene impratichirsi nel sentire quando sbatacchia, prima che si triti una delle guide in plastica. 

- Controllare saltuariamente (a seconda dei chilometri percorsi) il gioco delle puntine platinate,se vi danno problemi cambiatele subito,e di conseguenza i condensatori,che vanno cambiati sempre insieme alle puntine.

- Controllare il gioco dello sterzo. Il modo migliore è quello di alleggerirlo. Conviene approfittarne in concomitanza con lo smontaggio della ruota anteriore. Sfilare anche le forcelle e controllare che non vi sia qualche punto “preferenziale” in cui lo sterzo “scatta” o si “ferma”. Nel caso, allentare, pulire e lubrificare le sfere (attenzione a non perderle!!!).

- Lavare sovente la moto. Il lavaggio della moto è un’operazione molto utile e, per così dire, “intima”. Ci si accorge di problemi o malfunzioni e si notano con attenzione le parti della moto. Si impara a conoscerla e osservarne eventuali punti dolenti. Sovente, inoltre, ci si rifà le nocche o ci si pizzica con dolore.

- Controllare inoltre serraggio di viti (ma è raro che qualcosa si molli: sono Honda, non Harley!).

Courtesy of Trike & Pedro750